Liquore alla Genziana PAT

Questo liquore si presenta di colore paglierino intenso, di media gradazione
alcolica, di sapore e profumo tipici della pianta di genziana, intensi e facilmente identificabili. È ottenuto per infusione a freddo delle radici di Genziana lutea in alcool etilico puro (95% vol.). La pianta, dalla tipica fioritura gialla, trova il suo areale esclusivamente in Europa; in Italia vegeta solo in determinate aree delle Alpi e degli Appennini centrali, a un’altitudine che varia fra i 1000 e 2000 m.

View More Liquore alla Genziana PAT

Liquore allo Zafferano PAT

Il liquore allo zafferano nasce dalla combinazione di questa consuetudine con la pratica diffusa tradizionalmente nelle comunità agricole, di riutilizzare le fecce, sottoprodotto della vinificazione, per ottenere l’alcool e aromatizzarlo con erbe locali per renderlo gradevole al consumo.

View More Liquore allo Zafferano PAT

Koelreuteria paniculata

La Koelreuteria Paniculata è un albero di medie dimensioni, a foglie caduche, originario dell’Asia. Ha tronco eretto, spesso multiplo, e sviluppa una densa chioma, disordinata negli esemplari giovani, tondeggiante negli alberi adulti; la corteccia è di colore marrone chiaro, generalmente solcata da rughe poco profonde; le foglie sono composte, imparipennate, costituite da 7-15 foglioline ovali, con margine seghettato, di colore verde scuro, divengono gialle in autunno, prima di cadere; le foglie nuove in primavera hanno un colore bronzeo.

View More Koelreuteria paniculata

Luppolo, Humulus Lupulus L.

Humulus deriva dal latino humeo che significa essere umido, in relazione al fatto che la pianta predilige terreni umidi. Lupulus deriva invece dalla parola latina lupus che significa lupo, perché proprio come un lupo con le sue prede, tende a far soffocare le piante su cui si arrampica. Anticamente era un rimedio utilizzato dai monaci nei conventi per il suo effetto anafrodisiaco, che calmava gli stimoli sessuali.

View More Luppolo, Humulus Lupulus L.

Emilia Romagna
PAMPAPATO DI FERRARA – PAMPEPATO DI FERRARA IGP

Per preparare il Pampapato di Ferrara/Pampepato di Ferrara occorre amalgamare gli ingredienti e averli impastati, si porziona l’impostato, si modella e si cuoce alla temperatura di 180-220°C per un tempo compreso fra i 15 ed i 90 minuti, in base alla pezzatura del prodotto.

View More Emilia Romagna
PAMPAPATO DI FERRARA – PAMPEPATO DI FERRARA IGP

Emilia Romagna
PIADINA-PIADA ROMAGNOLA IGP

Per preparare la Piadina/Piada Romagnola IGP è necessario procedere alLa preparazione dell’impasto che viene poi porzionato. I piani dell’impasto sono poi laminati per essere appiattiti con pressione meccanica, fino ad ottenere un disco senza dislivelli. Infine, il prodotto è cotto ad una temperatura che varia da 200° C a 250° C per un tempo di 4 minuti.

View More Emilia Romagna
PIADINA-PIADA ROMAGNOLA IGP

Lombardia
COPPA DI PARMA IGP

La Coppa di Parma è il risultato della lavorazione di alcune parti specifiche del suino come la porzione muscolare del collo, aderente alle vertebre cervicali e parte delle toraciche. Il processo di lavorazione inizia con una rifilatura e trattamenti necessari a dare al prodotto le caratteristiche organolettiche. Quando è immesso al consumo, la Coppa di Parma deve essere senza macchie, di un colore rosso uniforme, con forma cilindrica e le dimensioni variano da 25 a 40 cm circa di lunghezza, e il peso non deve essere inferiore a 1.3 Kg.

View More Lombardia
COPPA DI PARMA IGP